Diritti degli animali, animalismo e risarcimento del danno

Diritti degli animali, animalismo e risarcimento del danno

Avv. Nicola Todeschini Riparazione dei torti, Risarcimento per la perdita dell'animale d'affezione

Quante volte i diritti degli animali, ed il nostro diritto a condividere con loro affetti, gioie e dolori vengono calpestati?

Quante volte assistiamo a maltrattamenti, ma pure a reazioni violente, quante volte a manifestazioni illegittime di pseudo associazioni animaliste?

L’accresciuta sensibilità verso gli animali, conquista -lungi dall’essere matura- di questi ultimi anni, ha giustamente riportato l’attenzione sui diritti degli animali ma ha anche purtroppo ispirato scalmanati, purtroppo giustificato, ma solo apparentemente, azioni invece violente ad opera di presunti paladini degli animali.

E’ un fenomeno, quello del fanatismo, che normalmente si manifesta quando ad un periodo buio segue la luce, causando, accanto alla consapevolezza dei diritti, anche abbagli, esagerazioni.

Sembra in altri termini che simili battaglie debbano essere condotte con azioni scriteriate, ai limiti e spesso anche oltre le regole. E invece le battaglia per non far più considerare gli animali delle “cose” si può condurre anche in punta di diritto (come dimostra la storia che ti invito a leggere qui: è la storia di un cane morto in un rogo a causa di un furetto difettoso e della battaglia, dei suoi amici, per non farlo considerare una “cosa”).

Diffido da chi scegli gli esseri umani, piuttosto che animali, come soggetti deboli meritevoli, più degli altri, di tutela, perché la discriminazione, è in antitesi con la sensibilità, che invece si vorrebbe rivendicare.

Approvo invece con tutto il cuore chi sia dedica agli indifesi, che abbiano due o  quattro zampe, senza stilare classifiche di merito, senza distinguo, ma seguendo semplicemente la propria strada e non dimenticando che qualsiasi essere indifeso merita attenzione.

La mia opinione, in argomento, puoi ascoltarla qui, e se sei d’accordo condividila per sensibilizzare anche gli altri:

Ma non dimenticare di farmi conoscere la tua opinione, commentando qui sotto!


Condividi

Commenta l'articolo

La tua e-mail non sarà pubblicata.

Puoi usare i seguenti tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

  1. Federico Ricci Says: febbraio 11, 2019 at 12:12 pm

    Ho bisogno di consulenza: nel caso una clinica veterinaria sbagli la diagnosi ad un cucciolo posso rivalermi del diritto al rimborso della cifra versata? Posso anche chiedere un risarcimento fisico, morale e rimborso di spese effettuate in quanto portato in un secondo momento in altra clinica e tenuto e curato per 3 giorni?

    • Avv. Nicola Todeschini Says: febbraio 11, 2019 at 12:26 pm

      Buongiorno, dinanzi ad un errore di diagnosi può essere invocato l’inadempimento e richiesta la restituzione dell’importo pagato. Se, inoltre, l’errata diagnosi ha comportato anche un danno, può essere invocato pure tale pregiudizio. Va valutato, con attenzione tale danno affinché la sua qualificazione sia corretta.
      Cordialmente

  2. Luca Pierro Says: dicembre 8, 2016 at 6:34 pm

    Trovo assolutamente molto interessante l’argomento probabilmente anche perché mi tocca molto da vicino visto la recente perdita di uno dei miei cavalli per la negligenza è malafede di un veterinario !!