Sala operatoria malasanità

Errore medico: cosa fare subito?

Avv. Nicola Todeschini Malasanità

Vittima dell’errore medico

Quando si ha il sospetto di essere stati vittima dell’errore medico spesso si va nel panico e si rischia di commettere errori, fare scelte sbagliate, rivolgersi anche a presunti esperti, quindi la prima regola è: calma, sangue freddo, la vera urgenza è capire, non agire.

Sono veramente rari i casi nei quali bisogna agire con urgenza e tanto più in quelle occasioni non ha senso fare del fai da te.

 

A chi rivolgersi

Solo a chi tratti casi di responsabilità medica ed errore medico con frequenza e profitto.

Inutile cercare un consulente, chiunque esso sia, perché è il più vicino, comodo, perché magari ha già seguito un altro caso (la separazione, per non dire un banale sinistro stradale, per esempio).

La specializzazione, insomma, va pretesa insieme alla serietà, non tutti sono esperti nell’errore medico.

La domanda quindi va fatta con decisione e le informazioni vanno raccolte perché un bravissimo consulente in una materia può non esserlo in un’altra.

Meglio un avvocato o una società di recupero crediti (infortunistica)?

La risposta sta nello stesso criterio: per essere specializzati in un certo settore bisogna avere un certo percorso di studi (pretendi di scoprire quale!), praticare la materia (pretendi di verificarlo), magari fare pubblicazioni, frequentare su quell’argomento non solo le trattative stragiudiziali ma anche le aule di tribunale (chi altri può farlo se non un avvocato?).

Perché?

Semplice: perché una richiesta danni ben fatta è redatta sulla base delle regole che si traggono anche dalle sentenze, e se non è accolta in via transattiva ed amichevole bisogna essere pronti ad agire in giudizio, ma senza far intervenire qualcun altro!

La risposta, quindi, dovete trarla da questo semplice ragionamento.

 

Vale la pena fare denuncia penale per errore medico ?

Quasi mai, questa è la verità.

Chi vi invita a precipitarvi prima di ogni altra cosa dai Carabinieri piuttosto che direttamente in Procura per depositare una denuncia querela per errore medico dubito seriamente sia un esperto del settore.

Spesso, in verità, questi consigli vengono dati per scarsa esperienza, o peggio per far contento il cliente che così crede di soddisfare al meglio la propria voglia di rivalsa che inevitabilmente, in questi casi, è grande.

Ma queste scelte poi si possono pagare care e non è così che si imposta seriamente una vertenza in materia di errore medico!

Prima di accusare qualcuno, anzitutto, bisogna avere le idee chiare: ha veramente commesso un reato?

Ma non finisce qui: perseguire l’eventuale fatto di reato (più frequentemente le lesioni colpose o l’omicidio colposo) aiuterà la mia pretesa risarcitoria ad avere soddisfazione?

E’ proprio questo il punto, e la verità è che tentare di perseguire il fatto di reato è spesso addirittura controproducente!

 

Cosa fare subito allora?

Un giurista serio e veramente esperto in errore medico si comporta così:

  • studia il caso, ne delinea le caratteristiche più importanti al cliente, informandolo in modo attento sulle linee guida della responsabilità da errore medico (e già qui capirai chi sa e chi…racconta);
  • suggerisce un approfondimento medico legale che sarà però lui ad istruire indicando un medico legale altrettanto specializzato e chiedendogli di risolvere alcuni dubbi, indicandogli poi la strategia;
  • ricevuta la perizia preliminare la illustra al cliente, spiegandone il contenuto e l’utilizzo che se ne possa fare
  • formula la richiesta di risarcimento integrale del danno dopo aver acquisito, dal cliente, ogni elemento utile a valorizzare il suo danno specifico che può essere diversissimo da quello standard;
  • coltiva con grande attenzione la fase delle trattative perché un accordo stragiudiziale (senza fare causa) è di gran lunga la migliore delle soluzioni, anche se chiede molto tempo per essere completata
  • solo se tutte le chance di un accordo sono perdute consiglia la mediazione, prima e il ricorso al Giudice, poi.

 

 

 


Condividi

Commenta l'articolo

La tua e-mail non sarà pubblicata.

Puoi usare i seguenti tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>