Responsabilità della struttura ospedaliera

La struttura ospedaliera non risponde solo dell'errore dei medici e sanitari suoi dipendenti, ma pure della difettosa tenuta delle attrezzature, della pericolosità dei luoghi, della mancata manutenzione, della colpa di altri suoi dipendenti.

Il contratto che il paziente perfeziona con la struttura sanitaria è un contratto complesso che accanto alla prestazione sanitaria tipica, sia essa la diagnosi, la cura, l'informazione, comprende anche quella di tipo pseudo alberghiero che riguarda l'ospitalità del paziente ricoverato, la corretta funzionalità degli strumenti che i sanitari utilizzano ogni giorno, la correttezza dei presidi, il corretto funzionamento dei servizi in genere.

Tipico danno da addebitare alla struttura riguarda quello relativo all'attiva manutenzione delle parti comuni e delle strutture, anche perché desuete, e l'informazione alla quale il paziente ha diritto deve riguardare anche la dotazione della struttura sanitaria, sia rispetto alla presenza di reparti (alcune sono prive della rianimazione per esempio) che dell'aggiornamento degli strumenti diagnostici (pensa alle orafo utilizzato per esempio per le diagnosi tempestive di malformazioni neonatali).

Altra occasione tipica di danno, che lo studio legale dell'Avv. Nicola Todeschini tratta con continuità, riguarda la contaminazione batterica da sala operatoria piuttosto che da permanenza in reparto. Sono infatti numerosi i casi che lo studio ha in trattazione in numerose regioni italiane.

banner-risarcimento

Per quanto la corretta predisposizione dei moduli di consenso informato non riguardi solo la struttura ma pure il sanitario che li utilizzi, è tipico errore della struttura non organizzare un adeguato modulo, ma soprattutto non predisporre percorsi di preparazione per i sanitari in ordine ai diritti del paziente alla privacy, all'informazione, che spesso vengono invece violati con pratiche abusive quali la sottoscrizione del modulo in ore anestesia, in corridoio, la comunicazione dei propri dati, anche rilevanti ed attinenti alla salute, in condizioni di mancata riservatezza.

Se vuoi avere certezza in ordine all'errore commesso dalla struttura, anche a prescindere dall'indivduazione, peraltro perfettamente inutile, dei singoli sanitari responsabili, così da poter orientare al meglio le tue decisioni in materia, rivolgiti ad un esperto quale l'Avv. Nicola Todeschini con Studio a San Vendemiano (Treviso) che metterà a disposizione le sue conoscenze per offrirti la miglior soluzione.

Approfondimenti sulle responsabilità della struttura ospedaliera

Radio Venezia intervista l’Avv. Nicola Todeschini per conoscere le ragioni della sua passione ormai ultraventennale per la responsabilità medica, malasanità….

Desta perplessità la sentenza del Tribunale di Verona che il Quotidiano Giuridico mi ha chiesto di commentare. Si tratta di…

La riforma Gelli Bianco della responsabilità medica ha ricevuto forti critiche, non solo dalla dottrina, ma pure dalla giurisprudenza e…

Doveva essere un intervento banale, così era stato descritto, alle emorroidi, con una tecnica non dolorosa e rodata. E invece…

Dopo un tortuoso iter, accompagnato dalle pressanti invocazioni di alcuni sindacati dei sanitari ma osteggiata da più parti arriva dunque…

Ti sarà capitato di leggere la notizia dell’archiviazione di una denuncia per malasanità, o meglio per responsabilità penale del medico….

L’annunciata riforma della responsabilità medica ci consente veramente di sostenere che la responsabilità del medico dipendente diventi -come per magia-…

Non fu solo la scabbia, probabilmente contratta da altro paziente ricoverato, ma la tardiva diagnosi dell’infezione a causare il contagio…

Quanto volte le dimissioni imprudenti cagionano danni gravi ? Le dimissioni imprudenti sono un’esempio, assai frequente, di violazione della diligenza…

Malasanità: la contaminazione batterica da sala operatoria e le infezioni ospedaliere in genere sono tra i rischi che maggiormente assillano…

Ogni giorno giungono quesiti allo studio perché le persone sono disorientate dalla disinformazione in materia di malasanità e di tempo…